Nessuno esce da solo da questa crisi

da | 15 Feb 2021

Diamo una mano a chi cerca lavoro

Premesso che
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nella Legge di Bilancio 2021 ha confermato e ampliato le misure rivolte al mondo del lavoro sia per offrire supporto alle categorie maggiormente in difficoltà, sia per consentire la ripartenza del Paese in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. A tal proposito il Governo ha pensato a tutta una serie di leggi che agevolano le assunzioni di molte categorie di lavoratori, tramite incentivi.
-Gli incentivi all’occupazione sono benefici normativi, economici o contributivi riconosciuti ai datori di lavoro per l’assunzione di specifiche categorie di persone. Sono diretti a supportare economicamente l’ingresso, il reinserimento e la stabilizzazione dei lavoratori attraverso la riduzione o l’azzeramento degli oneri contributivi oppure tramite l’erogazione diretta di un contributo. Nel Decreto Cura Italia, oggi, possiamo trovare tutte le misure necessarie a sostegno di famiglie, lavoratori dipendenti, liberi professionisti e imprese, per fronteggiare l’emergenza da COVID-19.

Considerato che
-Le competenze e le funzioni, in materia di lavoro, del Comune inteso come un soggetto giuridico con un ruolo importante nell’ambito del mercato del lavoro e delle relazioni industriali, sono in effetti poche e limitate alle politiche attive del lavoro. In particolare, ai sensi dell’art. 6 del d.lgs. n. 276/2003, i Comuni possono esercitare attività di intermediazione, semplicemente iscrivendosi nell’apposita sezione dell’Albo Nazionale delle Agenzie per il Lavoro che, a seguito delle recenti novità introdotte dal d.lgs. n. 150/2015, comporta automaticamente anche la possibilità di svolgere attività di ricerca e selezione del personale, nonché di supporto alla ricollocazione professionale. Inoltre, i Comuni, purché iscritti all’Albo delle Agenzie per il Lavoro, partecipano alla Rete Nazionale dei servizi per le politiche del lavoro, istituita con il d.lgs. n. 150/2015, che è chiamata a promuovere l’effettività dei diritti al lavoro, alla formazione ed all’elevazione professionale, nonché il diritto di accedere a servizi di collocamento gratuito, mediante interventi e servizi volti a migliorare l’efficienza del mercato del lavoro.
Oggi per attrarre ricchezza in una città (e quindi generare buoni posti di lavoro) è necessario favorirvi lo sviluppo e l’insediamento di aziende capaci di fare innovazione di valore per i propri clienti (offrendo di nuovo qualcosa di unico), attraverso un uso intensivo della componente umana, della creatività e dell’ingegno. E questo a prescindere dal fatto che poi la fase produttiva finale (manifatturiera) di quei prodotti avvenga nella comunità dove viene ideato e generato il valore aggiunto o avvenga altrove nel mondo.

Visto che
Il Comune potrebbe mettere a disposizione gli immobili inutilizzati per favorire nuove startup e nuove forme di coworking che sono vere e proprie incubatrici di idee per la formazione e lo sviluppo del lavoro.

Dato che il nostro Comune ha
1) una posizione favorevole allo sviluppo del turismo non solo stagionale “Mare e Pineta”;
2) un buon collegamento ferroviario e stradale che lo connette con tutta la costa;
3) una zona artigianale/commerciale in via di sviluppo e potenzialmente molto rilevante.

Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta:

Ad aprire un tavolo di lavoro permanente condiviso con tutte le associazioni di categoria e la Camera di Commercio per individuare tutte le figure professionali e lavorative più ricercate sul territorio ed a pubblicizzarle attraverso tutti i canali ufficiali del Comune affinché si possano favorire lavoratori e aziende nell’incontro tra domanda e offerta del lavoro.
-A pubblicizzare i suddetti elenchi nelle classi finali della scuola dell’obbligo dove gli studenti potranno scegliere il percorso con maggiore probabilità di impiego e, nel proseguire gli studi universitari, le professioni maggiormente ricercate.
-A fare un elenco degli immobili del Comune attualmente non utilizzati ed a metterli a disposizione delle startup e del coworking per favorire quell’incubatrice di idee e opportunità soprattutto giovanili

La consigliera del Movimento 5 Stelle Cecina
Maria Guglielmino

MOZIONE – Diamo una mano a chi cerca lavoro

Share This